Contenuto principale

Presentazione

I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


PROGETTO I CARE

Verbale n°4

 

In data 14 Febbraio 2009 presso la sede dell’I.C. Pertini di Ovada si è tenuta la riunione riguardante il Piano nazionale di formazione e ricerca dal titolo: “I CARE” IMPARARE COMUNICARE AGIRE IN UNA RETE EDUCATIVA.

Sono presenti:

  • Laura Lantero (Dirigente scolastico del 1° Circolo di Ovada)
  • Patrizia Grillo (Dirigente scolastico dell’IC Pertini di Ovada)
  • Pietro Moretti (IC Pertini di Ovada)
  • Renato Ferroglio (IPSIA Fermi di Alessandria)
  • Giovanna Marcellini (IC di Molare)
  • Giuseppina Calcagno (IC di Molare)
  • Mariangela Gandino (1° Circolo di Ovada)
  • Simona Mura (1° Circolo di Ovada).

L’incontro ha inizio alle ore 9:30.

Riguardo ai progetti “I care” che stanno avendo corso nelle scuole interessate, è stato comunicato quanto segue:

  • Moretti informa che proseguono i laboratori “Comunicando con il computer” e “Comunicando con il corpo” per i tre alunni che fanno parte del progetto e comunica, inoltre, che hanno avuto corso: il seminario sul boardmaker, il seminario sul codice ICF e i quattro incontri sulla comunicazione.

  • Ferroglio comunica che il progetto è in via di attuazione e che rispetto a quello dello scorso anno scolastico, sono stati modificati i contenuti e le materie, (è inserito in allegato il documento sul progetto di ricerca-azione). Grazie a tale progetto, l’alunno ha riportato grossi miglioramenti nell’acquisizione della lingua italiana e si è integrato maggiormente nel contesto scolastico.

  • Lantero comunica che è in atto il corso di musicoterapica della dottoressa Annamaria Gheltrito, sia sotto forma di laboratorio sia come formazione dei docenti. Mura Alverino

  • Marcellini informa che il metodo, utilizzato in questi anni, dell’alfabeto corporeo affiancato a giochi a premi come forma di potenziamento, ha fatto si che, già al terzo anno di scuola dell’infanzia, alcuni bambini arrivino spontaneamente a scrivere.