Contenuto principale

Presentazione

I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


I.C. Pertini Ovada Alessandria


PROGETTO I CARE

Verbale n°2

 

In data 8 marzo 2008 presso la sede dell’I.C. Pertini di Ovada si è tenuta la riunione riguardante il Piano nazionale di formazione e ricerca dal titolo: “I CARE” IMPARARE COMUNICARE AGIRE IN UNA RETE EDUCATIVA.

Sono presenti:

  • Pietro Moretti (IC Pertini di Ovada)
  • Renato Ferroglio (IPSIA Fermi di Alessandria)
  • Antonietta Crupi (IC di Molare)
  • Giovanna Marcellini (IC di Molare)
  • Giuseppina Calcagno (IC di Molare)
  • Mariangela Gandino (1° Circolo di Ovada)
  • Simona Mura (1° Circolo di Ovada).

La riunione ha inizio alle ore 9:30 con la lettura del verbale n°1 da parte del professor Moretti.

Ogni referente procede alla spiegazione delle linee generali di come sarà effettuato il progetto “I CARE” nella propria scuola.

La referente Crupi Antonietta, in collaborazione con altri docenti del plesso, prenderà spunto dalla leggenda celtica “La fata scura” per effettuare delle attività concrete che porteranno gli alunni della scuola ad una sensibilizzazione sul problema della disabilità.

E’ previsto un lavoro in verticale fra i tre ordini di scuola presenti nell’I.C. di Molare, saranno inoltre coinvolte la scuola secondaria di primo grado “Pertini” di Ovada e la scuola Primaria del 1° Circolo di Ovada.

I soggetti destinatari del progetto sono in particolare tre alunni div.a. con una grave compromissione del linguaggio e della comunicazione.

L’insegnante Crupi fa presente che all’interno del plesso sono presenti ulteriori alunni con problemi di linguaggio e con problemi di iperattività e disattenzione che potranno ottenere dei benefici grazie a questo progetto.

La Crupi informa che il 22 Aprile il Dott. Besana, dell’ospedale infantile di Alessandria, terrà un seminario circa il problema del D.D.A.I. (Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività).

Nel 1° Circolo di Ovada gli interventi didattici saranno realizzati all’interno del contesto sezione/classe e avranno lo scopo di:

- fare acquisire a tutti gli alunni maggiori e molteplici capacità di comunicazione

- sensibilizzare i bambini circa la questione della diversità.

Gli alunni inseriti nel progetto sono quattro e presentano in generale una immaturità cognitiva con grave compromissione del linguaggio.

Le insegnanti che effettueranno gli interventi all’interno di questo circolo sono:

  • Arcieri Loredana (Scuola dell’Infanzia di Ovada via Galliera) che si collegherà alla programmazione di sezione dell’insegnante Boccaccio Gemma sull’educazione stradale con l’intento di analizzare l’utilizzo dei simboli all’interno della città, andrà quindi a toccare il tema della comunicazione sotto forma di codici comunicativi simbolici e cartacei con l’utilizzo del computer.

  • Toriggia Sara (Scuola Primaria G.Paolo II di Ovada) che, vista la gravità del caso del quale si occupa, orienterà le sue attività all’utilizzo della mimica, della pantomima e dei cinque sensi come metodo comunicativo.

  • Foresta Manuela (Scuola dell’Infanzia di Ovada via Galliera) che proporrà un’attività di ascolto sulla favola di “Pierino e il lupo”, che sta già attuando con la sua alunna, ponendosi come obiettivo quello di avvicinare i bambini alla comunicazione tramite la musica e la corporeità.

  • Mura Simona (Scuola dell’Infanzia di Cremolino) che avvierà gli alunni alla conoscenza della Comunicazione Aumentativa Alternativa, proponendo, sotto forma di gioco, attività per le quali si utilizzeranno la mimica del volto, la pantomima e la simbologia.

Tempi e modi dei progetti sono ancora da stabilire, per ognuno sono previsti anche degli interventi con un’esperta di musicoterapia.

Si ipotizza uno scambio tra le insegnanti di sostegno all’interno delle sezioni/classi in cui sono presenti alunni div.a.. Ciò al fine di fare acquisire a tutti gli alunni conoscenze e competenze relative ai vari canali comunicativi.

Nella scuola secondaria di primo grado “Pertini” di Ovada Pietro Moretti attuerà un progetto di Ricerca-Azione per il quale sono previsti:

- un’incontro con un’insegnante ipoacusica sulla LIS (Lingua Italiana dei Segni)

- un’incontro sull’utilizzo della multimedialità portato avanti dallo stesso Moretti

- un’incontro con le operatrici del laboratorio “Comunicando con il computer” sul software per gestire il codice PCS al computer

- un’incontro con un attore esperto del mimo sulla comunicazione mimica-gestuale

- un’incontro con le operatrici del laboratorio “Comunicando con il corpo” sulla comunicazione con il corpo.

Il referente Renato Ferroglio effettuerà un progetto in una classe prima, nell’istituto I.P.S.I.A. “Enrico Fermi” di Alessandria, in cui è inserito un ragazzo audioleso, che coinvolgerà le seguenti aree:

- italiano, storia e inglese per le quali è previsto un lavoro a gruppi. Ogni gruppo avrà il compito di approfondire una tematica che dovrà essere relazionata al resto della classe.

- laboratorio odontotecnico con esperienze di tutoring da parte degli alunni più preparati e più abili verso il compagno div.a. (spiegazione pratica dell’attività da svolgere).

- ed. fisica per la quale si pone come obiettivo significativo quello di valorizzare l’alunno nelle sue qualità, coinvolgendolo in attività che non evidenzino il suo handicap.

Moretti P. comunica che per il progetto “I CARE” l’ U.S.R. (Ufficio Scolastico Regionale) stanzierà una somma di 9967,00 euro lordi che sarà suddivisa in questo modo:

 

PARTE COMUNE

DIDATTICA

  • sperimentazione laboratorio “Comunicando con il computer”

  • sperimentazione laboratorio “Comunicando con il corpo”

Euro 2000,00

 

ORGANIZZAZIONE/FORMAZIONE

  • seminario su “Boardmaker” (entro settembre 2008)

Euro 700,00

 

CORRESPONSABILITA’

  • Newsletter di presentazione sul progetto e sui risultati raggiunti

  • Pagine web pronte per la pubblicazione nei siti delle singole scuole

Euro 300,00

 

PROGETTO DI VITA

  • Seminario sulle nuove classificazioni sanitarie delle disabilità (ICF)

Fondi da reperire (eventualmente finanziato dall’Ufficio Scolastico Provinciale)

 

Il restante della cifra verrà suddiviso equamente tra le quattro scuole (2000,00 euro ciascuna).

 

Il prossimo incontro viene fissato per la metà di giugno.

 

La riunione termina alle ore 11:00.

 

Il verbalizzatore

(Simona Mura)