Contenuto principale

DIRIGENTE SCOLASTICO: DOTT.SSA PATRIZIA GRILLO

RICEVE SU APPUNTAMENTO. PER ORARI DELLA SEGRETERIA RIFERIRSI ALLA CARTA DEI SERVIZI

 

 

L’art. 21 della L.59/97 individua il Capo d’Istituto come responsabile dei risultati dell’istituzione scolastica, chi dirige è infatti garante dei compiti che tutti hanno da svolgere e deve loro fornire risorse, mezzi, guida e sostegno nei momenti di crisi o di difficoltà, presidiando l’organizzazione del tempo, i metodi di risoluzione dei problemi, gli spazi delle interazioni in funzione delle sfide comuni. E’ certamente un potere di relazione e di organizzazione che si fonda su competenze personali e professionali di altra natura rispetto a quelle dei docenti.

 

Tale potere è del resto ben specificato dalla norma, per cui il dirigente scolastico “  assicura la gestione unitaria dell’istituzione scolastica, ne ha la legale rappresentanza, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. A lui spettano autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici. Gli compete, in particolare, di organizzare l’attività secondo criteri di efficienza e di efficacia formativa; è inoltre titolare delle relazioni sindacali”/ ( art. 25,c.2, D.Lgs.n. 165/2001).

 

Ma resta pur vero che in un’organizzazione attenta alle esigenze e alle potenzialità delle risorse umane, le decisioni, le responsabilità, la valutazione interna non sono compito esclusivo del Dirigente; sono determinanti il coinvolgimento, la partecipazione, la motivazione, le competenze di tutti i soggetti dell’organizzazione. Nel D.L.vo 59 del 6 marzo 1998 sulle funzioni dei Dirigenti Scolastici è previsto che il Capo d’Istituto nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative ed amministrative pos-sa avvalersi di docenti ai quali affidare specifici compiti.
Nella fase di assunzione di tutte le decisioni più importanti (oltre che nella fase di monitoraggio e autovalutazione dell’operato) è indispensabile l’apporto di un particolare gruppo di membri dell’organizzazione più vicina al Dirigente Scolastico: è lo staff del Capo d’Istituto, composto dal Docente Collaboratore Vicario, dal Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi, da tre docenti responsabili di plesso. Allo stesso si affiancano le figure di sistema di Istituto e un secondo Docente Collaboratore.

 

LE FUNZIONI STRUMENTALI DI ISTITUTO

 

I responsabili delle Funzioni Strumentali vengono identificati dal Collegio Docenti Unitario in coerenza con il POF di Istituto. All’interno dell’Istituto sono attivate otto Funzioni Strumentali che coordinano le seguenti aree.

Per il funzionamento dell’Istituto, volti ad ottimizzare l’organizzazione del lavoro, sono operativi e funzionanti i seguenti gruppi di lavoro: A seconda di esigenze emergenti o di necessità estemporanee, si aggregano e funzionano ulteriori gruppi di lavoro che, per evidenti motivi, non possono essere previsti allo stato attuale.

 

Orario di ricevimento:

Lunedì 10,30 - 12,30

Martedì 8,30 - 9,30

Sabato 8,30 - 10,30

Riceve anche su appuntamento (attraverso la segreteria).